Fratelli Damini

Damini, Arzignano

Giorgio Damini nasce il 26 novembre 1977 a Soave (VR). Intuisce che da grande farà il cuoco grazie ad un piccolo corso di cucina organizzato alle scuole medie. Segue la sua vocazione e si iscrive all’istituto alberghiero “Angelo Berti” di Verona. Il 1992 è il suo anno di svolta. Nel corso degli stages che effettua durante la stagione estiva e invernale, incontra prima Fabio Tacchella, chef del ristorante “Antica Pesa”di Stallavena (VR) e poi Giorgio Sancassiani, chef del ristorante “La Pergola” di Verona , che a livello professionale e umano lasceranno un’impronta indelebile nel suo curriculum. Termina gli studi e dopo diverse esperienze in altri ristoranti del Veneto, Sardegna e Alto-Adige, decide di dare un’impronta più internazionale alla sua cucina. Così nel 2003 si reca a Londra, dove ha ha modo di conoscere lo chef friulano Valentino Bosch, del ristorante “Per%cento”, con il quale lavorerà per due anni . Rientra in Italia e punta sull’alta ristorazione e insieme al fratello Gian Pietro nel dicembre 2007 apre la macelleria “Damini e Affini”.

Gian Pietro Damini nasce il 5 settembre 1973 a Soave (VR). Durante la sua infanzia inizia per gioco a lavorare nel negozio di famiglia. Suo padre gli trasmette la passione per questo mestiere. Nel 1989 dopo la scomparsa del padre decide di prendere insieme alla madre le redini del negozio. Nel 1992 chiude l’attività e decide di cambiare parzialmente strada e provare l’esperienza nella grande distribuzione, per meglio comprendere il funzionamento del suo mestiere nei “grandi numeri. Si trasferisce ad Arzignano e inizia a lavorare in una catena di supermercati dove acquisisce le competenze necessarie per organizzare e gestire in maniera “efficiente” un punto vendita. Tra il 2005 e il 2006 inizia a concretizzarsi il suo sogno e il 27 dicembre 2007 apre, insieme al fratello Giorgio e alla fidanzata Fortunata, la “Macelleria Damini e affini”.